Intervento chirurgico? Alleniamoci

Intervento chirurgico? Alleniamoci

Molte operazioni chirurgiche sono ormai diventate di routine. Spesso, però, questi interventi portano ad alcune complicanze, prima fra tutte una lunga convalescenza che allunga i tempi di recupero e il ritorno alla forma fisica antecedente all’ingresso in ospedale. Il laparocele addominale è una complicanza post operatoria che consiste nella fuoriuscita dei visceri della cavità addominale attraverso una ferita chirurgica addominale. La terapia è prettamente chirurgica ed ha come obiettivo il riposizionamento dei visceri nel loro sito anatomico.

Laparocele addominale: prepararsi all'operazione

Molte volte si sente parlare di rieducazione funzionale da dover svolgere successivamente ad un intervento. Raramente invece ci si concentra su di un altro aspetto da non sottovalutare: l’esercizio fisico in preparazione ad un’operazione chirurgica. Sono ormai diverse le evidenze scientifiche che dimostrano come praticare attività nei mesi e nei giorni antecedenti all’intervento permette di avere un più rapido recupero della condizione fisica e di riuscire ad avere minori complicanze durante la convalescenza.
Talvolta il consiglio dato riguarda lo svolgimento di una generica attività fisica, che se non svolta attentamente e con costanza rischia di essere ben poco utile. Ciascuna persona ha invece necessità specifiche in base ad età, sesso, livello di attività fisica e tipo di intervento da effettuare; è quindi fondamentale creare schede di allenamento individualizzate.

Il caso: quadro clinico, valutazione funzionale e scheda d'esercizio

In questo articolo si presenta il caso di una donna a cui il Medico Chirurgo aveva consigliato di svolgere esercizio fisico in preparazione ad un intervento per presenza di laparocele. Questa condizione è uno dei possibili inconvenienti della chirurgia addominale ed è caratterizzata dalla fuoruscita dei visceri contenuti nella cavità addominale attraverso una cicatrice. L’unico rimedio consiste nella rimozione di tale massa tramite intervento chirurgico.

Quadro clinico

- Donna, 43 anni
- Patologia principale: trapianto di fegato
- Complicanze: formazione di laparocele su ferita chirurgica in seguito a trapianto
- Livello di attività fisica: pratica saltuariamente delle camminate

Valutazione funzionale

- Capacità aerobica: nei limiti di norma
- Forza muscolare: ridotta, sia per gli arti inferiori che superiori
- Equilibrio: equilibrio statico nei limiti di norma, non presentando rischio di caduta; equilibrio dinamico lievemente compromesso
- Mobilità articolare: ridotta, in particolare nel cingolo scapolo-omerale

Obiettivi

- Incremento della forza e della resistenza dei principali gruppi muscolari decondizionati
- Rinforzo del corsetto addomino-lombare in preparazione all’intervento chirurgico
- Miglioramento dell’equilibrio dinamico
- Incremento del ROM nel cingolo scapolo-omerale
- Incremento della flessibilità generale

Il programma di esercizio fisico

Scheda di esercizio in soggetto con laparocele addominale

La signora, sottoposta in passato a trapianto di fegato, ha quindi svolto un percorso iniziale di dieci sedute di esercizio fisico finalizzate principalmente al rinforzo del corsetto addominale, in vista della rimozione del laparocele che le si era formato. L’attenzione era posta nel riuscire a proporre lavori di rinforzo per la parete addominale senza mobilizzarla in maniera specifica, sia per prevenire gravose complicazioni collegate al laparocele stesso, sia per il fatto che la donna portava un bustino contenitivo. Gli esercizi proposti erano svolti in parte su fitball richiedendo una continua attivazione del core, in parte in stazione eretta ricercando una maggiore stabilizzazione. Sono stati sempre proposti, inoltre, esercizi funzionali al mantenimento dell’equilibrio statico e dinamico, anch’esso fondamentale nel perseguire l’obiettivo centrale di questo percorso.
L’aver adattato l’esercizio in base alla situazione della persona ha permesso di avere un miglioramento dell’efficienza fisica generale, in vista dell’intervento a cui sarà sottoposta. È quindi auspicabile per chiunque lo svolgimento di un protocollo di esercizio fisico nel periodo precedente ad un intervento chirurgico, così da poterlo affrontare nel migliore dei modi.

Bibliografia

Debette-Gratien M et al. (2014) Personalized adapted physical activity before liver transplantation: acceptability and results Transplantation

Singh F et al. (2013) A systematic review of pre-surgical exercise intervention studies with cancer patients Surgical Oncology

GymHub S.r.l. - Spin-off dell’Università di Padova ricorda che la gestione, programmazione e somministrazione di protocolli di esercizio in soggetti in salute e con patologie croniche clinicamente stabilizzate sono prerogativa del Laureato Magistrale in Scienze Motorie con indirizzo in Attività Motoria Preventiva e Adattata, come previsto dal D.M. 16 marzo 2007 del MIUR.

Tutte le categorie